Emigrazione Lombarda

Tutta la Lombardia, e in particolare il nostro territorio, quello che in passato veniva chiamato Mandamento di Cuggiono, è stato interessato da un forte fenomeno migratorio.

Il periodo che va dal 1870 fino ai primi anni venti del secolo scorso, ha visto emigrare verso le Americhe circa 13.000 persone; da Cuggiono ne partirono circa   3.200 quando il paese contava circa 6 mila abitanti. Nell’area di quello che oggi è denominato il Castanese, come detto, si diressero verso le Americhe almeno 13.000 persone, in un’area geografica che all’epoca contava circa 30.000 persone. Ad andarsene, spesso per sempre, erano in maggioranza uomini tra i 15 e i 40 anni.

Il fenomeno migratorio dei nostri antenati di Cuggiono, ebbe inizio attorno al 1870, a causa delle condizioni di vita, l’estrema miseria e povertà in cui versavano i contadini, dovuta in parte ai fitti che i proprietari terrieri, in absentia, imponevano ai coloni.

L’economia di questa parte della Lombardia, era prettamente agricola, con l’intensificarsi dei commerci con gli Stati Uniti, il prezzo dei cereali crollò. Anche gli opifici e le filande di seta non riuscivano ad offrire occupazione sufficiente in quanto impiegavano soprattutto manodopera femminile.

Le condizioni disperate di vita a causa della miseria erano aggravate dalle forti epidemie di colera e vaiolo che si diffondevano velocemente a causa dei pessimi sistemi di conservazione degli alimenti e della scarsa igiene personale.

Il tasso di alfabetizzazione della popolazione del periodo, era attorno al 5% e ciò non aiutava a trasmettere buone norme sulla cottura e sulla conservazione del cibo. La scarsa alimentazione dei contadini portava la diffusione della pellagra, insieme ad altre malattie ed infezioni. Spesso, l’emigrazione era l’unico modo per sfuggire a una condizione di vita impietosa.

A titolo informativo la legge Coppino che introdusse l’obbligo di frequenza per le prime tre classe delle scuole elementari, fu varata nel 1877. Queste erano le condizioni di vita dei nostri antenati di Cuggiono.

Il nostro passato è stato costruito anche su questo: la caparbietà e l’ingegno dei nostri avi, sono stati la condizione necessaria per non soccombere a questo stato di ristrettezza e dolore.

I primi flussi dell’emigrazione cuggionese, si insediarono nelle zone rurali dell’interno dell’Argentina a partire dal 1870. In seguito il flusso migratorio fu indirizzato dai reclutatori di manodopera verso le miniere di carbone di molti stati degli Stati Uniti, soprattutto Michigan, Illinois e Missouri. Cuggiono è gemellata con Herrin, Illinois.

Negli ultimi anni si è risvegliato un forte interesse da parte di chi abita oltreoceano, e sente fortissima l’esigenza di ritrovare le proprie radici, ancora salde in questi luoghi.

I discendenti degli emigranti ritornano qui in circa di eventuali legami parentali e per conoscere le proprie origini, il proprio passato e le motivazioni che hanno indotto i propri antenati Cuggionesi a spostarsi dalla terra natìa in cerca di fortuna.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
immigranti cuggionesi
antenati cuggiono

VISITE GUIDATE

centro per l'immigrazione cuggionese

MUSEO IMMIGRAZIONE

Call Now ButtonChiama